Vedi il giornale
in formato PDF

ARCHIVIO ONLINE
Informatore Popolare

SCRIVI IN REDAZIONE








Funicolare per Anacapri: nettamente contrari due parlamentari di M5s e Forza Italia, scettici i Verdi. La replica del sindaco: "Sarà un'opera sostenibile e tesa a migliorare la viabilità senza deturpare l'ambiente". La popolazione anacaprese si schiera con il primo cittadino
foto

10/03/2018 - Il fronte del no all'ipotesi di funicolare Marina Grande-Anacapri, ribattezzata dalla stampa la metropolitana dell'isola di Capri. Da almeno una settimana sull'isola è l'argomento del giorno finito su giornali e siti web di mezza Italia.

Tra i più critici un parlamentare del Movimento 5 Stelle. Parla di «scempio ambientale», secondo una dichiarazione raccolta dal quotidiano La Repubblica, Luigi Gallo, deputato rieletto del M5S e candidato nel collegio plurinominale che comprende Capri. «Una costruzione del genere - denuncia - rischierebbe di allontanare i turisti. Una rete di trasporto locale ha senso per decongestionare il traffico ma non sono queste le modalità da seguire. Si ricordi che c'è un progetto per realizzare un'Area marina protetta a Capri, bloccato al ministero e per cui ci batteremo in Parlamento».

"No alla nuova funicolare di Capri. Progetto inutile, si disciplinino invece gli sbarchi. Il progetto è inutile e faraonico e non risolve il problema del sovraffollamento dell'isola". Lo dichiara in una nota Fulvio Martusciello, europarlamentare di Forza Italia.

«Siamo pronti a bloccare tutto. Capri è un'isola dall'anima calcarea, come si può pensare di sventrarla? Se il progetto della metropolitana dovesse andare avanti, ci opporremmo» sbotta intervistato dai quotidiani l'ex sindaco di Capri Ciro Lembo.

Il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e il portavoce campano del Sole che Ride, Vincenzo Peretti, dichiarano: «Non diciamo no a priori ma interventi così invasivi sul territorio vanno analizzati con attenzione e senza intenti speculativi e distruttivi della morfologia e integrità dell'isola, già colpita dall'abusivismo».

Attraverso il quotidiano La Repubblica replica il sindaco di Anacapri Franco Cerrotta. «L'idea della funicolare, che non definirei metropolitana, è sostenibile e tesa a migliorare la viabilità senza deturpare l'ambiente - ribadisce - riducendo la presenza delle auto sull'isola e alleggerendo il traffico sull'unica strada di collegamento tra Capri e Anacapri, otto chilometri per percorrere i quali occorre fino a un'ora, d'estate, con ricadute economiche e ambientali negative per l' isola».
Ai critici Cerrotta risponde nuovamente proponendo «una tavola rotonda che promuova un confronto serio e sereno e per la quale sono pronto ad assumermi organizzazione e costi, per aprire un dibattito a tutti i livelli e mostrare lo studio di fattibilità».
«Apprezziamo le critiche, ma non mi sembra corretto che emergano a studio già effettuato. Non si può valutare Capri solo come meta turistica visto ci sono dei cittadini che per molti mesi restano soli con i loro problemi. Confronto serio e costruttivo sì, allarmismo no», conclude il sindaco.

Il sindaco di Anacapri ha dalla sua parte la popolazione anacaprese, la stragrande maggioranza dei commercianti e dell'imprenditoria locale che vedono molto positivo il progetto della funicolare sia per i risvolti in termini di viabilità che sotto il profilo turistico ed economico.

© notizia protetta da copyright


CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA





Tutte le notizie archiviate >>>






Youtube

DOVE DORMIRE
 
INFORMAZIONI
4
4
 



Caprinews.it by Com.Invest s.r.l. - P.I. 04764940633 - Capri, Via Li Campi 19 - 80073 - Capri -- contattaci: La redazione